lunedì 27 febbraio 2017

Recensione - Il profumo del maestrale

Buongiorno lettori,
e buon inizio settimana!
Ho il piacere di comunicarvi che questa sarà una settimana ricca di post!

La settimana scorsa ho ricevuto dalla C.E. Il Ciliegio un nuovo ebook che vi avevo segnalato! L'ho letto, (e ringrazio la suddetta Casa Editrice per la copia digitale) e quindi oggi ve ne parlo!


Titolo: Il Profumo del Maestrale
Autore: Alessandra Sala
Pagine: 96
Prezzo: 10.00

SINOSSI

Le lezioni sono finite da poco e Pietro, un ragazzino di quasi tredici anni, già pregusta il momento in cui raggiungerà il porto per andare in barca. Fa però appena in tempo a uscire dal cortile della scuola e a notare che i suoi genitori sono lì ad attenderlo che, travolto da un rumore assordante, si ritrova catapultato a terra, poco distante dai corpi esanimi di suo padre e di sua madre riversi nel sangue. Incapace di muoversi, di pensare e di parlare, viene allontanato da quel luogo di morte da un capitano dei carabinieri che gli spiega che i suoi genitori sono stati uccisi dalla ’ndrangheta, che per questo entrerà a fare parte del programma di protezione testimoni e che verrà seguito da una psicoterapeuta che gli troverà una famiglia in cui vivere. Saranno l’impegno di quel capitano, la vicinanza della psicoterapeuta e l’amore della famiglia affidataria, composta da padre (sindaco integerrimo di una piccola cittadina e uomo da sempre in prima linea per combattere le ingiustizie), madre (una talentuosa profumiera) e figlio (un ragazzino desideroso di dare e ricevere affetto), ad aiutare Pietro a sciogliere il dolore atroce e costante che lo logora e a scoprire la verità sulla morte dei suoi genitori.

Gli argomenti trattati, lo stile intrigante, le parole attente e penetranti rendono questo testo un lavoro maiuscolo, pronta condanna della violenza e fermo elogio di giustizia, amore e verità.

Risultato immagine per recensione
Non c'è molto da dire rispetto a quanto detto nella sinossi, dal momento che il libro è molto breve,
dunque possiamo passare direttamente ai pareri:
Un libro diverso dal solito, una novità in mezzo a tanti prodotti editoriali che ormai si somigliano un po' tutti.
Il profumo del maestrale ha un titolo accattivante e dal significato profondo, che il lettore comprende soltanto verso la fine del libro, che si legge davvero molto velocemente, sia per il numero delle pagine che per la sintassi semplice e scorrevole, con periodi non troppo lunghi, e un lessico alla portata di tutti, così come la vicenda, che tocca il cuore del lettore.
La tragicità della Mafia, anzi..in questo caso dell' 'ndrangheta, che colpisce la vita di un bambino, privandolo dei genitori, è sicuramente toccante e poco comune in campo letterario, e mostra la sensibilità dell'autrice verso un problema che, sebbene a volte facciamo finta che non ci sia, esiste ancora, soprattutto nel Sud Italia. Nonostante la vicenda sia prevalentemente drammatica, il protagonista, Pietro, ha la forza di andare avanti grazie all'aiuto di persone meravigliose, che non sembrano essere semplici personaggi di una vicenda: essi hanno qualcosa di straordinariamente concreto. All'insegna della verità e della giustizia Alessandra Scala racconta di una famiglia che non si è arresa, e che non ha chinato la testa davanti all'omertà e al potere nero, sconfitto dalla presa di coscienza dei genitori di Pietro, e dalla speranza a cui Pietro stesso si è aggrappato per continuare la sua vita.

Un testo, come ho già detto, toccante e commovente!

Voto: ★★★☆☆


Martina

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao, se ti è piaciuto il post lascia un commento! Sarò felice di leggerlo!

Che aspetti? Vinci una copia!